Strage di Orlando, la rivendicazione di Isis

539547392.jpg

12 giugno 2016, ore 20:48 - L'organizzazione Stato Islamico, o Isis, ha rivendicato la strage di Orlando, dove un uomo è entrato improvvisamente in un locale omosessuale, il Pulse, sparando all'impazzata con un fucile automatico di alto calibro, uccidendo 50 persone e ferendone 53. Secondo la Polizia di Orlando, città della Florida, il killer si chiamerebbe Omar Mateen, trentenne americano di origine afghane.


Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, in una breve dichiarazione video dalla Casa Bianca, ha esortato il Paese a restare unito e si è detto addolorato per quanto avvenuto. Nella rivendicazione attribuita allo Stato Islamico, che proponiamo nel tweet di Antonello Guerrera, c'è scritto "Possa Allah accogliere l'eroe che lo ha fatto e ispirare altri a fare lo stesso [...] L'attacco che ha preso di mira il gay club di Orlando, in Florida, e che ha provocato 100 tra morti e feriti, è stato compiuto da un combattente dello Stato islamico" ed è stata lanciata per prima da Rita Katz, direttrice del Site, il sito di monitoraggio delle attività jihadiste in rete: lo Stato Islamico, attraverso la sua agenzia Amaq avrebbe appunto attribuito la strage di Orlando a un suo "combattente".

  • shares
  • Mail