Messico, sterminata famiglia di 11 persone: caccia ai due killer

strage-in-messico.jpg

Un’intera famiglia di 11 persone è stata sterminata nella piccola comunità montana di El Mirador, nello stato messicano di Puebla, per motivi ancora da chiarire.

Le autorità locali hanno confermato che si è trattato di un attacco armato. Almeno due persone, secondo quanto ricostruito, hanno fatto irruzione nell’abitazione armate fino ai denti e hanno sterminato tutte le persone presenti - 5 donne, 4 uomini e due bambine - e ferito gravemente due bambine di 4 anni, ora ricoverata nell’ospedale di Tehuacan.

Il movente del massacro non è ancora chiaro, ma sono diverse le ipotesi al vaglio delle autorità. Uno degli assassini è stato identificato come lo stupratore di una delle donne uccise, violentata dall’uomo circa nove anni fa e diventata madre di un bimbo frutto di quella violenza.

Una delle ipotesi, quindi, è che il massacro sia legato proprio a quell’episodio, ma non si esclude che alla base di questa strage ci siano motivazioni religiose.

La famiglia sterminata faceva parte di una piccola comunità evangelica, allontanatasi qualche anno fa dalla comunità cristiana poco distante. Anche se i rapporti tra le due comunità erano giudicati buoni, non è escluso che sia stata proprio la religione la causa scatenante.

I due assassini, arrivati e fuggiti a piedi, sarebbero già stati identificati dalle autorità locali grazie a due testimoni oculari prontamente posti sotto protezione dello Stato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail