Bologna, fa bere della soda caustica alla compagna incinta: fermato un 35enne

ospedale-maggiore-bologna.jpg

Una donna incinta di 45 anni è ricoverata in gravi condizioni all’ospedale Maggiore di Bologna dopo aver ingerito della soda caustica che il suo compagno, reo confesso, le aveva messo nella bottiglietta di bibita gassata.

L’episodio risale a martedì sera, ma solo nelle ultime ore il 35enne, compagno della donna e padre del bimbo che dovrebbe nascere tra poche settimane, ha confessato tutto alle forze dell’ordine, messo alle strette davanti all’evidenza.

In un primo momento, infatti, si era pensato a un tragico incidente ed era stato proprio l’uomo a descrivere come la sua compagna si fosse sentita male dopo aver bevuto da una bottiglia appena acquistata al supermercato.

Le condizioni della donna sono parse gravissime fin dai primi istanti: presentava lesioni allo stomaco e all’esofago, al punto da che dall’ospedale Dossetti di Bazzano, dove la donna è residente, si è preferito trasportarla d’urgenza a Bologna.

I medici della struttura hanno prontamente allertato le autorità e il compagno, messo alle strette, ha confessato. Non è chiaro, al momento, se il 35enne volesse uccidere la compagna o se volesse costringerla ad abortirla. L’uomo è stato fermato con l’accusa di lesioni gravissime, mentre le condizioni della donna sono in via di miglioramento. Nessuna ripercussione negativa, fanno sapere dalla struttura, sulle condizioni di salute del bimbo, che dovrebbe nascere tra poche settimane.

  • shares
  • Mail