Sequestrato yacht a rampollo del clan Contini | Foto

yacht-bosti-contini.jpg

La Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato uno yacht di lusso da 500mila euro appartenente a Ettore Bosti, detto 'o russo, presunto esponente di spicco del clan camorristico napoletano dei Contini. Bosti, era riuscito a sottrarre lo yacht a un sequestro lo scorso 2 marzo quando lui finì in carcere con altre 34 persone con l'accusa di aver messo in piedi e gestito un traffico internazionale di droga.

Nell'abitazione di Bosti all'atto dell'arrestto militari della finanza trovarono diverse migliaia di euro in contanti e orologi per oltre 200mila euro, tra cui un Rolex con diamanti che da solo valeva circa 80mila euro. Le fiamme gialle del Gico in quell'occasione aveva sequestrato al clan Contini un patrimonio di oltre 20 milioni di euro, costituito da quote societarie, immobili, preziosi e auto di lusso.

La yacht "sfuggito" a quel blitz e sequestrato nelle scorse ore a Bosti è un Atlantis 47 della Gobbi di 14 metri, denominato "Debora", intestato a un prestanome del ritenuto rampollo del clan Contini. I finanzieri del Gico hanno rintracciato lo yacht in un piazzale privato nell'agro puteolano, dove si trovava dalla fine della scorsa estate. Bosti, secondo quanto accertato, usava lo yacht per le sue vacanze in Italia e in Spagna.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail