Monopoli: scomparso Paolo Dragone, è giallo

È giallo fitto sulla scomparsa di Paolo Dragone, l'impiegato comunale di Monopoli (Bari) di 56 anni sparito da casa nella serata di mercoledì scorso o la mattina seguente. Ieri i carabinieri hanno effettuato un sopralluogo nell'appartamento dell'uomo, posto sotto sequestro dalla magistratura, alla ricerca di elementi particolari o utili per le indagini.

I militari dell'Arma hanno fatto sapere che in casa non sono stati rilevati segni di una lite o colluttazione e che sulle scale che portano all'abitazione è stata trovata una scarpa che sarebbe dello scomparso. Sul pianerottolo del palazzo poi sono state rinvenute delle tracce di sangue: una è stata già classificata di tipo animale, mentre sull'altra sono in corso le analisi. In merito, gli investigatori potrebbero chiedere a familiari dello scomparso di acquisire campioni di saliva per la comparazione del Dna.

Alcuni giorni fa era deceduta la madre di Paolo Dragone che viveva con lui insieme alla badante. La donna è stata tumulata giovedì scorso senza la presenza del figlio che non era andato alla cerimonia secondo quanto scrive l'Ansa. Un nuovo nuovo sopralluogo in casa dello scomparso potrebbe essere effettuato venerdì prossimo.

Gli inquirenti non escludono al momento che la scomparsa del dipendente comunale possa essere collegata in qualche modo al suicidio di un suo amico, un47enne di Melissano (Lecce) il cui corpo non ancora identificato ufficialmente sarebbe quello martoriato dal passaggio di un treno domenica scorsa nella stazione di Mola di Bari.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail