Morte di Ciro Esposito: Daniele De Santis condannato a 26 anni

Esposito rimase ferito a Roma il 3 maggio 2014 prima della finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli.

Daniele De Santis condannato per omicidio Ciro Esposito

È arrivata oggi la sentenza dei giudici della terza sezione della Corte di Assise di Roma sulla condanna di Daniele De Santis per la morte di Ciro Esposito, tifoso napoletano 26enne rimasto gravemente ferito il 3 maggio 2014 a Roma, prima della finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli, e poi morto dopo 53 giorni di ricovero al Policlinico Gemelli.

Della morte di Esposito è stato accusato Daniele De Santis, ultrà della Roma, ritenuto il responsabile degli spari che hanno colpito il giovane napoletano. Per lui i pm Eugenio Altamente e Antonino Di Maio avevano chiesto l’ergastolo.

Oggi è arrivata la sentenza che infligge a De Santis 26 anni di reclusione ed è stata anche disposta una provvisionale di 140mila euro in favore dei genitori di Ciro Esposito.

Inoltre, sono stati condannati a otto mesi di reclusione anche Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito accusati di Rissa.

La madre di Ciro Esposito, Antonella Leardi, era presente in aula al momento della lettura della sentenza e il suo commento a caldo è stato:

“La pena inflitta è congrua e giusta, per De Santis non provo odio perché l’ho perdonato

  • shares
  • Mail