Vasto: educatore condannato per violenza sessuale su minore


violenza sessuale casa famiglia vasto

Il tribunale di Vasto ha condannato a 3 anni di reclusione un uomo di 44 anni per violenza sessuale su minore. L’uomo era a processo con l'accusa di aver avuto rapporti sessuali con una minorenne ospite della struttura quando era educatore in una casa famiglia di San Salvo, all'epoca gestita dal comune, come spiega Il Centro.

La presunta vittima degli abusi, ora maggiorenne, si è costituita parte civile nel procedimento che è stato molto lungo: dopo quattro anni di udienze e testimonianze la ragazza ha visto l'uomo accusato di aver approfittato di lei riconosciuto colpevole dal tribunale di Vasto in composizione collegiale, presidente Italo Radoccia, giudici a latere Stefania Izzi e Fabrizio Pasquale. L'imputato secondo l'accusa ha abusato della minore da agosto al dicembre del 2008, sfruttando per scopi personali il suo ruolo di educatore nella casa famiglia avrebbe approfittato sessualmente dell'adolescente.

Per i legali dell'uomo, avvocati Giovanni Cerella e Fiorenzo Cieri del foro di Vasto, il loro assistito "continuerà a professarsi innocente non essendosi mai reso responsabile dei fatti di cui è accusato. La sua completa innocenza sarà ribadita davanti alla Corte d’appello dell’Aquila" hanno detto i difensori dopo la sentenza sottolineando anche che il tribunale di Vasto ha ridimensionato l’accusa iniziale derubricando la contestazione in quella di “minore gravità” prevista dal codice. In appello gli avvocati promettono battaglia per l’assoluzione del 44enne "con la formula più piena".

  • shares
  • Mail