Napoli, camorra: fermata la "paranza dei bimbi"

picchia moglie reggio c. polizia lo arresta

La Squadra Mobile di Napoli, coordinata dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e dalla Direzione Centrale per i Sevizi Antidroga, collaborata dai Commissariati cittadini San Carlo Arena, Decumani e San Paolo, ha eseguito questa mattina ben 20 diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di altrettante persone, ritenute contigue alla camorra facente capo alle famiglie Sibillo, Giuliano, Brunetti e Amirante. I clan familiari sono tutti operativi a Napoli nell’area di Forcella-Duchesca e Maddalena, definita «La paranza dei bimbi».

Dopo aver decapitato i vertici del can la DDA si è concentrata sulle attività illecite di quest'ultimo, con un vero e proprio smantellamento grazie all’individuazione dei fornitori, degli addetti alla piazza di spaccio, e degli spacciatori. La Polizia ha anche accertato il ruolo di primo piano nelle attività illecite monitorate delle donne del clan.

La "Paranza dei bimbi" è un fenomeno dei bassi napoletani fin dagli anni Novanta: bande di ragazzini dal grilletto facile che si sentono onnipotenti a bordo di scooteroni e dediti alla violenza, anche insensata.

  • shares
  • Mail