Rieti, morte di Mariangela Mancini: c'è un sospettato di omicidio

La donna potrebbe essere stata strangolata.

Mercoledì 18 maggio 2016 - La Procura di Rieti, nel corso delle indagini sulla morte di Mariangela Mancini, 33enne trovata morta nella frazione di Spedino 24 ore dopo essere scomparsa da Borgorose, avrebbe individuato un sospettato: si tratterebbe di un uomo che è ospite di una comunità di recupero per tossicodipendenti a pochi chilometri da Borgorose. Il soggetto, che non è ancora ufficialmente indagato, si sarebbe allontanato per diverse ore dalla comunità proprio nelle ore in cui è stato ritrovato il corpo senza vita di Mariangela Mancini.

Intanto dall’autopsia è emerso che la donna potrebbe essere stata strangolata, mentre le tracce di acido muriatico rinvenute tra i contenuti gastrici non erano in quantità tale da causare un immediato avvelenamento.

Morte di Mariangela Mancini: si indaga per omicidio


Lunedì 16 maggio 2016

- Mariangela Mancini, la 33enne di Borgorose (Rieti) trovata senza vita in un bosco non troppo lontano dalla casa di sua madre, potrebbe essere stata uccisa. La Procura di Rieti ha così aperto un'inchiesta per omicidio, per ora a carico di ignoti. Inizialmente si ipotizzava il suicidio della giovane scomparsa il 12 maggio e ritrovata morta il giorno dopo, ma ora gli inquirenti sembrano più propensi a considerare l'ipotesi dell'omicidio.

Trovato il corpo di Mariangela Mancini


Venerdì 13 maggio 2016

- È stata trovata cadavere Mariangela Mancini, la donna di 33 anni che era scomparsa ieri mattina dalla sua casa di Borgorose, in provincia di Rieti. I familiari avevano segnalato la scomparsa ai carabinieri della locale stazione dopo aver ritrovato l’auto del fidanzato, usata da Mariangela, aperta ma senza chiavi dentro

I militari dell'Arma subito avevano fatto partire le ricerche con l'aiuto del soccorso alpino e con l'ausilio di un elicottero. La ragazza pare fosse uscita per andare a casa della madre, poco distante dalla sua, a prendere dei prodotti per pulire.

Il cadavere è stato rinvenuto in una zona boschiva di Borgorose a poche centinaia di metri dall'abitazione della ragazza, in un'area con molta vegetazione in fondo a un fosso lungo la strada. Vicino al corpo di Mariangela, secondo le prime informazioni, è stata rinvenuta una bottiglia di plastica contenente dell'acido.

Le cause della morte sono in via di accertamento. Per adesso gli investigatori non escludono alcuna ipotesi in merito al decesso della 33enne, dall'omicidio all'incidente all'estremo gesto, cui farebbe pensare la bottiglia con l'acido, tutte le piste restano aperte.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail