Bari, schiaffi e insulti ai bambini: arrestate due maestre di scuola materna

maltrattamenti asilo-nido roma.jpg

Due donne di 49 e 53 anni, maestre in una scuola elementare nel quartiere barese di Santo Spirito, sono state arrestata stamattina e poste ai domiciliari per una serie di episodi di violenza nei confronti dei bambini che frequentavano la struttura.

A far partire le indagini erano state le denunce di alcuni genitori, certi dei maltrattamenti che i figli, tutti di età compresa tra i due e i tre anni, avevano subito. E così, grazie alle intercettazioni ambienti degli inquirenti, si è scoperto che quelle accuse corrispondevano a verità.

Il pm Simona Filoni spiega senza mezzi termini:

Schiaffi, colpi sferrati su tutto il corpo, strattonamenti, pedate, calci, forti scossoni sugli arti superiori, accompagnati anche dalla immobilizzazione delle mani e finalizzati a costringere i bambini a stare fermi, trascinamenti lungo il pavimento, colpi inferti dietro la nuca ed in una serie di terribili vessazioni e torture psicologiche, seguite da costanti urla, minacce e gravi ingiurie.

Sarebbero almeno 37 gli episodi di violenza accertati nell’arco di appena 15 giorni di lezione, dal 31 marzo al 22 aprile 2016, che hanno visto protagoniste le due donne.

Le attenzioni violente delle due maestre, lo scrive la Procura, erano rivolte in particolare a tre bambini, ma l’intera classe avrebbe risentito di quanto accadeva con cadenza quasi quotidiana:

I singoli episodi pur vedendo come vittime designate prevalentemente tre bambini, tutti dell’età di 3 anni, provocavano gravi danni sull’equilibrio psicofisico di tutti i minori appartenenti alla predetta classe, con gravi ripercussioni sulla loro serena crescita, perché costretti a subire quotidianamente inaudite violenze ed a vivere nel costante terrore e dolore, in un clima caratterizzato dalla sopraffazione e dalla violenza, con gravi sofferenze fisiche, morali e psicologiche per tutti i piccoli coinvolti.

Le due donne si trovano ora agli arresti domiciliari.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail