Scomparsa di Angela Celentano, le autorità messicane sulle tracce di Celeste Ruiz

L’indagine sulla scomparsa di Angela Celentano, svanita nel nulla all’età di 3 anni durante una gita sul monte Faito il 10 agosto 1996, non è ancora chiusa e non lo è nemmeno la pista messicana emersa nel 2010, quando una giovane donna scrisse diverse email ai genitori della bimba, Maria e Catello Celentano, dicendo di chiamarsi Celeste Ruiz e di essere in realtà proprio Angela.

Ora la Procura di Torre Annunziata ha inviato alle autorità messicane l’intero faldone dell’inchiesta avviata sei anni fa, interamente tradotto per l’occasione. Oltre ai documenti è stato inviato anche il DNA prelevato in queste ultime settimane ai genitori e alle sorelle della piccola Angela, così come un’interpretazione dei disegni e delle letterine scritte dalla piccola.

Questo materiale è ora a disposizione della task force messicana che si occupa della ricerca delle persone scomparse, chiamati a rintracciare questa misteriosa Celeste Ruiz che sembra svanita nel nulla e verificare ogni possibile collegamento con la piccola italiana di cui non si hanno notizie da quasi 20 anni.

In quelle mail, lo ricordiamo, Celeste Ruiz diceva di esser stata adottata e di essere ormai felice. Per questo chiedeva ai due genitori di smettere di cercarla. Ma i due, come ben sappiamo, non si sono mai dati per vinti e non hanno mai smesso di cercare la loro figlia.

angela-celentano.jpg

Foto | Angela Celentano

  • shares
  • Mail