Furti nei cimiteri di Milano e Monza: 3 arresti

arresti carabinieri

Tre presunti ladri, ritenuti responsabili dei recenti furti nei cimiteri nelle province di Milano e Monza, sono finiti in manette oggi a seguito di un'indagine che ha permesso anche di recuperare recuperare settanta statue e più di trenta quintali di manufatti in bronzo trafugati dai cimiteri e pronti per essere fusi.

La refurtiva è stata recuperata inseguendo un furgone rubato che non si era fermato all'alt delle forze dell'ordine. Il mezzo era guidato da un disoccupato senza fissa dimora e con precedenti alle spalle. Le statue rubate si trovavano in un capannone di una ditta attiva nel commercio di metalli e recupero di rottame. Qui, all'interno di diversi bancali, sono state trovate sessanta statue di bronzo e altri manufatti con immagini sacre e funerarie.

I carabinieri hanno arrestato il titolare della ditta, un milanese, e un cittadino di nazionalità romena suo collaboratore, il conducente del furgone intercettato dai militari. Un terzo arresto, di un altro cittadino italiano, è stato eseguito a Bollate: l'uomo è stato sorpreso dal custode del cimitero mentre di allontanava con dei vasi in ottone e rame e lumi funerari, per decine di chili, sottratti dalle tombe. La perquisizione domiciliare ha portato al recupero di altre due statue di bronzo e di cavi di rame per un quintale di peso.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail