Omicidio Fortuna Loffredo: Raimondo Caputo aggredito in carcere

carcere

Raimondo Caputo, accusato di aver ucciso la piccola Fortuna Loffredo, dopo aver abusato ripetutamente di lei, è stato aggredito in carcere. Gli altri detenuti volevano "fare giustizia" degli efferati crimini di cui è fortemente indiziato il 43enne di Caivano.

A riportare la notizia dell'aggressione è il quotidiano Repubblica. Secondo una prima ricostruzione, Caputo è stato aggredito dai compagni di cella nel carcere di Poggioreale. Il procuratore capo di Napoli Nord, Francesco Greco, ci ha tenuto a precisare che non si è trattato di un linciaggio: "abbiamo solo saputo che c'è stata una aggressione o un tentativo di aggressione fisica al detenuto, che peraltro era già in carcere da tempo per un'altra accusa di abusi su minore e quindi siamo in attesa di capire".

Intanto, ancora nella giornata di ieri, Caputo ha continuato a negare di aver abusato sessualmente e di aver ucciso la piccola Fortuna. Lo ha ribadito nel corso di un interrogatorio condotto dal gip Alessandro Buccino Grimaldi, alla presenza del pm Claudia Maone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail