Brescia: rettore rinviato a giudizio per truffa

croppercapture3.jpg

La procura di Brescia ha chiesto il rinvio a giudizio del rettore dell’Università di Brescia, Sergio Pecorelli. L'accusa per il professore è quella di truffa. Secondo le ipotesi investigative, l'accademico avrebbe percepito un’indennità come direttore dell’unità operativa di Ginecologia e Ostetricia, ma agli Spedali Civili non si sarebbe quasi mai presentato.

L’indagine dei carabinieri del Nas, coordinata dal pubblico ministero, Leonardo Lesti, è rimasta segreta fino alla fissazione dell’udienza preliminare. Nel mirino della magistratura è finito il periodo 2012-2014, in cui Pecorelli ricopriva contemporaneamente il ruolo di professore ordinario, rettore dell’ateneo di Brescia, direttore di unità operativa dell’ospedale cittadino, e presidente del consiglio di amministrazione dell’Aifa. Carica, quest'ultima, dalla quale si è dimesso nel dicembre del 2015, dopo la sospensione statuita dal ministro della Salute per grave “conflitto di interessi”.

Stefano Lojacono, legale del rettore, fa sapere che l'indennità contestata non è connessa "a una determinata quantità di ore trascorse in reparto”, ma sarebbe da riferirsi al semplice incarico di direttore di unità operativa. Pertanto, secondo l'avvocato, Pecorelli avrebbe percepito i soldi “del tutto legittima".

Ricordiamo che il professore è già indagato per abuso d’ufficio, riguardo al caso dell’assunzione in università dell’ex segretaria di Mariastella Gelmini, Elisa Gregorini. Inoltre, come riportato da Il Fatto Quotidiano, nel 2014, Pecorelli, all'età di 70 anni, è andato in pensione come professore ordinario, lasciando così anche gli incarichi ospedalieri. Tuttavia, ha conservato la carica di rettore dell’ateneo, in base ad una lettera amministrativa. Rimane il fatto che il ministro dell’Istruzione e dell’Università non ha mai firmato un decreto di proroga del suo incarico.

Sulla conservazione dell'incarco, il Movimento 5 Stelle ha presentato un'interrogazione al ministro Stefania Giannini (a cui non c'è stata risposta).

Pecorelli rimarrà in carica fino al giugno 2016, mese in cui è prevista la nuova elezione del rettore dell'università di Brescia.

  • shares
  • Mail