Camorra: arrestato ex assessore del casertano

arrestato ex assessore salzillo casalesi

Aggiornamento ore 14:50 - Sette pentiti di camorra accusano Alfonso Salzillo, consigliere comunale di Santa Maria Capua Vetere ed ex assessore all'Ambiente, di essere stato "referente del clan Schiavone a Santa Maria Capua Vetere". Secondo Il Mattino alle amministrative del 2011 Salzillo avrebbe promesso 30mila euro a due affiliati ai Casalesi che lo dovevano aiutare a raccogliere voti per le elezioni. Salzillo, consigliere comunalwe del comune casertano, dal 2003 a dicembre 2015, avrebbe promesso quei soldi a Pasquale Fava e Mario Mastroianni secondo la Dda di Napoli. Le indagini del Norm dei carabinieri di Caserta si sono avvalse anche di intercettazioni telefoniche. L'ex assessore avrebbe anche cambiato assegni per conto di soggetti legati al boss Nicola Schiavone.

Un ex assessore comunale e consigliere di Santa Maria Capua Vetere, Alfonso Salzillo, di 49 anni, è stato arrestato questa mattina dai carabinieri con l'accusa di aver chiesto voti al clan dei Casalesi per essere eletto nell'assise del comune casertano.

Le indagini sul politico sono state coordinate dalla procura di Napoli - Direzione distrettuale antimafia che ne ha poi chiesto l'arresto. I militari dell'arma in una nota spiegano che Salzillo:

"è ritenuto responsabile di associazione per delinquere di tipo mafioso e corruzione elettorale finalizzata a favorire l’organizzazione camorristica del clan dei Casalesi"

L'ordinanza di custodia cautelare a carico dell'ex assessore è stata emessa dal gip partenopeo e notificata dai carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Caserta. Salzillo è stato in carica fino all'anno scorso come assessore e consigliere del Comune di Santa Maria Capua Vetere.

  • shares
  • Mail