Agguato nel reggino: un morto e un ferito, il killer avrebbe sbagliato bersaglio

Agguato a Reggio Calabria

Agguato a Calanna, piccolo centro aspromontano della provincia di Reggio Calabria dove un uomo è stato ucciso e un altro è rimasto ferito a colpi di arma da fuoco. Il fatto di sangue si è consumato ieri sera, in zona Sotira di Calanna, nel quartiere Sambatello. A morire sotto i colpi del killer, o dei killer, il 48enne Domenico Polimeni.

Nell'agguato è rimasto ferito anche un altro uomo Giuseppe Greco, 56 anni, raggiunto dai proiettili alla testa e al polmone. Secondo gli investigatori l'obiettivo dell'agguato poteva essere proprio Greco, Polimeni sarebbe stato ucciso insomma per errore.

Greco è stato soccorso e quindi ricoverato in gravi condizioni agli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria e secondo quanto riporta il Quotidiano del Sud l'uomo era un esponente di rilevo di un clan di 'ndrangheta che aveva da poco aveva iniziato a parlare con i magistrati per poi interrompere il suo percorso di collaborazione con la giustizia.

Dell'omicidio si occupano gli investigatori della questura di Reggio che sono giunti sul posto dopo le 23 della scorsa notte dopo aver ricevuto la segnalazione di una donna che, al telefono, spiegava di aver sentito sparare dei colpi di pistola.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail