Quarto Grado puntata 1 aprile 2016: tutti i casi

Quarto Grado | Ultima Puntata 1 aprile 2016 su Rete4 con Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero sulla coppia dell'acido, il caso Sarah Scazzi e il giallo di Isabella Noventa

  • 0:02

    Tra i tanti testimoni non ammessi in aula anche un giardiniere Annibale. Che venti giorni prima della scoperta del corpo di Yara Gambirasio, non c'era alcun segno di un cadavere. Nemmeno Alessandro Meluzzi sarà ascoltato dopo due colloqui con Bossetti.

  • 23:44

    Si cercano nuovi complici che avrebbero coperto i piani malvagi di Gabriele Defilippi nei confronti della professoressa Gloria Rosboch. Efisia, la telefonista, potrebbe esserci un'iscrizione nel registro degli indagati non solo per truffa ma anche per omicidio. Da vagliare, invece, la posizione dell'ex fidanzatina Sofia.

  • 22:59

    Alexander Boettcher è stato condannato a 23 anni per le aggressioni con l'acido. Amici, parenti raccontano gli stati d'animo dei poveri malcapitati. E, poi, voce anche ai legali.

  • 22:38

    Nel paese di Avetrana, oltre dieci persone (appartenenti alla famiglia di Cosima Serrano e Michele Misseri) avrebbero ostacolato le indagini. Il papà di Sabrina non rilascia dichiarazioni ai giornalisti. E sul cellulare, il contadino ha Felicità di Al Bano e Romina come suoneria.

  • 22:27

    Ivano Russo, il presunto movente del delitto di Sarah Scazzi, ha cambiato idea su Sabrina Misseri che potrebbe essere la presunta assassina della cugina. Si aspetta ancora la lettura delle motivazioni che hanno condotto figlia e mamma in carcere.

  • 22:09

    Giosuè Ruotolo resta in carcere mentre la fidanzata Rosaria è libera. Nei giorni precedenti al delitto, Trifone e Teresa si scambiano dei messaggi in cui il soldato ammetteva di aver fatto a botte con l'ex coinquilino (dopo aver scoperto le chat su Facebook).

  • 21:57

    La mamma di uno dei tre ex mariti di Debora (quello deceduto a causa di un incidente stradale in moto) definisce la mancata nuora "delinquente, omicida e mignotta". La signora non ha mai visto il nipote di 13 anni.

  • 21:44

    In carcere, Manuela Cacco è fortemente provata e pentita per quello che ha fatto ovvero la messa in scena con il giubbino bianco. La donna vuole rivolgersi alla mamma di Isabella attraverso una lettera.

  • 21:26

    La cucina potrebbe essere il luogo del delitto di Isabella Noventa. La donna sarebbe stata portata a casa da Freddy con l'inganno. Una discussione con la sorella Debora sarebbe degenerata tanto che la vittima sarebbe stata colpita con una mazzetta (dopo una risata). Questo si evince dal racconto di Manuela Cacco che non avrebbe visto il delitto.

  • 21:15

    Quarto Grado, nella puntata di venerdì 1° aprile, manda in onda alcune telefonate alla base dell’inchiesta sulla scomparsa di Isabella Noventa, la donna di cui si sono perse le tracce a Padova il 15 gennaio scorso. L’indagine ha portato all’arresto di Freddy Sorgato, di sua sorella Debora e dell’amica Manuela Cacco, tutti accusati di omicidio premeditato in concorso. Si tratta di telefonate intercettate tra Freddy e Manuela, risalenti agli ultimi giorni di gennaio, a pochi giorni dalla sparizione della segretaria cinquantacinquenne. 1) Telefonata del 26 gennaio 2016, ore 17.58 Manuela Cacco: «Ho visto il servizio in TV dove hanno detto che stanno scandagliando il Brenta». Freddy Sorgato: «Sì ho visto e sono nella parte del fiume che va a Vigonovo. Probabilmente c'è stata una segnalazione dei vigili del fuoco e sono andati a controllare». Manuela: «Sì, ho visto anche io e ho sentito anche l'appello fatto in televisione, ché se qualcuno sa chi è quella col giubbotto bianco fornisca informazioni. Cosa facciamo stasera?». Freddy: «Mah, se vuoi stasera possiamo andare al Relax. Prenoto un tavolo? Oppure facciamo un’altra sera». Manuela: «Dai facciamo stasera». Freddy: «Non puoi mica vedermi tutti i giorni!». Manuela: «Eh già». Freddy: «Eh già... è proprio così, non c’è nulla da discutere». Manuela: «Eh va bene... facciamo un’altra volta oppure ci vediamo domani? Dai domani magari ti raggiungo io in macchina». Freddy: «Ah non mi importa come mi raggiungi. A casa mia non devono entrare macchine! Chiuso il discorso? Sono stato chiaro? Ascolta, non devi fare la gelosa con me. Non puoi stare sempre in mezzo come il prezzemolo! È così tutti i giorni!». Manuela: «Uffa! Eh, va bene, dai: non farò la gelosa». 2) Telefonata del 29 gennaio 2016, ore 18.30 Freddy: «Abbiamo fatto bene a non uscire ieri sera, a non andare al Relax, c’erano le telecamere e sono entrati dentro il locale». Manuela: «Fortuna che non siamo andati allora! Se vuoi più tardi possiamo fare un giro». Freddy: «Ma dov’è che vuoi andare? Io ho tanto da fare!». Manuela: «Va bene, dai, sarà per domani». Freddy: «Sto a casa». Manuela: «Ma se vuoi possiamo incontrarci a casa di tua mamma». Freddy: «Ehm». Manuela: «Ma dai facciamo un giro per distrarci». Freddy: «Ci vediamo domani». Manuela: «Va bene, dai, io magari vado lo stesso a casa di tua mamma». 3) Telefonata del 30 gennaio 2016, primo pomeriggio Manuela: «Freddy, puoi passare a darmi una mano a sistemare il plafond delle sigarette?». Freddy: «Ascolta, te l’ho già detto quello che devi fare! Devi imparare, devi memorizzare!». Manuela: «Guarda, tu mi hai offesa e io non mi sono mai permessa di offenderti». Freddy: «Hai altro da dire?». Manuela: «No, non ho mai nient'altro da dire, l'unica cosa che devo dire è “sì, padrone”». Quest’ultima telefonata risale a qualche ora prima lo scambio di sms, sempre intercorso tra Freddy Sorgato e Manuela Cacco, durante il quale la donna invia il messaggio con la scritta «Asaaas» che, con la correzione automatica degli smartphone, richiama parole come “assassini”.

Quarto Grado puntata 1 aprile 2016: anticipazioni


nuzzi-viero.jpg

«Spero che Alexander Boettcher non esca più di cella»: Stefano Savi, il giovane sfigurato con l’acido il 2 novembre 2014, ha così commentato la nuova condanna nei confronti del broker milanese. L’undicesima sezione penale del Tribunale di Milano ha accolto l’impianto accusatorio del pubblico ministero e ha stabilito una pena a 23 anni di reclusione per Boettcher. A questi si aggiungono i 14 che l’uomo deve scontare - insieme all’ex amante Martina Levato - in seguito al primo dibattimento, quello incentrato sul “blitz” contro Pietro Barbini.

Alla luce degli ultimi sviluppi, il cosiddetto caso della coppia dell’acido è quindi al centro di Quarto Grado, in onda, stasera, in prima serata, su Retequattro.

Nel corso della puntata, la trasmissione condotta da Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero, aggiorna il pubblico sulle novità nel giallo di Padova. Le ricerche del corpo di Isabella Noventa proseguono, così come gli interrogatori nei confronti dei tre complici: nonostante la nuova versione fornita dalla tabaccaia Manuela Cacco - secondo cui la donna non sarebbe stata uccisa da Freddy Sorgato, ma dalla sorella Debora - i tre restano accusati di omicidio premeditato in concorso.

Si riapre il caso dell’omicidio di Sarah Scazzi, uccisa ad Avetrana il 26 agosto 2010. A pochi giorni dalla pubblicazione delle motivazioni della sentenza con cui la Corte d’Appello di Taranto ha confermato l’ergastolo per la cugina Sabrina Misseri e sua madre Cosima Serrano, e gli 8 anni di reclusione per lo zio Michele, il programma a cura di Siria Magri ripercorre la vicenda che ha scosso l’opinione pubblica.

Blogo seguirà in liveblogging la puntata.

Quarto Grado | come vederlo in tv e in streaming


Quarto Grado è in diretta ogni venerdì sera su Rete4, intorno alle 21.10. Se lo perdete potete recuperarlo dal giorno seguente sul sito VideoMediaset.it.

Quarto Grado | Second Screen


Quarto Grado può essere seguito anche sui social, attraverso i profili ufficiali Twitter @QuartoGrado e Facebook Quarto Grado. Per interagire con la trasmissione basterà usare l'hashtag #quartogrado. Per segnalazioni, anche durante la diretta, si può chiamare il numero 02.30309010.


  • shares
  • Mail