Giappone: 15enne rapita riesce a scappare dopo due anni di prigionia

Dopo due anni di prigionia una 15enne giapponese è riuscita a scappare dalle grinfie del suo aguzzino e a tornare dalla sua famiglia. La ragazza era scomparsa esattamente nel marzo 2014 quando uno studente universitario, Kabu Terauchi, riuscì a rapirla grazie ad un inganno. In due occasioni il rapitore ha poi costretto la ragazza a scrivere alla propria famiglia una lettera nella quale sosteneva di essersi allontanata volontariamente.

In realtà è sempre stata trattenuta contro la sua volontà, prima in un appartamento di Chiba dove l'uomo frequentava l'università e poi nella sua nuova casa di Tokyo. Kabu Terauchi riuscì a rapirla raccontandole di essere un avvocato divorzista assunto dal padre per separarsi dalla madre. Sostenendo di voler scambiare quattro chiacchiere con lei a questo proposito riuscì a convincerla a salire nella sua macchina e da quel momento è iniziato un incubo.

Domenica sera il rapitore ha commesso un errore, dimenticandosi di chiudere a chiave la porta di casa. Grazie a questa distrazione la 15enne è riuscita a scappare e a telefonare prima alla sua famiglia e poi alla polizia che poco dopo l'ha raggiunta in una stazione della metropolitana. Il rapitore è stato arrestato in un bosco ad un centinaio di chilometri dalla sua abitazione dopo un tentativo di suicidio.

gettyimages-517879496.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail