Prostituzione minorile: insospettabili arrestati nel bresciano

prostituzione minorile montichiari brescia

Sono sei gli arresti per prostituzione minorile eseguiti nelle scorse ore nel Bresciano. L'ordinanza di custodia cautelare a carico di soggetti definiti "insospettabili" è stata emessa dal gip di Brescia nell'ambito di un'inchiesta condotta dalla stessa procura e coordinata dal sostituto procuratore Ambrogio Cassiani.

Le indagini della polizia locale di Montichiari si sono concluse con gli arresti domiciliari per sei persone e un obbligo di dimora per un settimo soggetto. Nei guai sono finiti tra gli altri il rappresentante di un’associazione di categoria e un architetto. Gli indagati sarebbero stati ripresi mentre hanno rapporti a pagamento con minorenni, scrive l'edizione locale del Corriere della Sera.

L'inchiesta è collegata a quella che a gennaio aveva portato all'arresto di Claudio Tonoli, sieropositivo che avrebbe preteso rapporti sessuali non protetti con minori senza avvisarli della sua condizione e che oltre di prostituzione minorile è accusato di tentate lesioni.

Gli investigatori sono riusciti a rintracciare tramite il primo minore coinvolto che ha parlato altri tre ragazzini che venivano pagati per i rapporti sessuali e che contattavano i clienti su internet per poi incontrarli in casa o in un centro estetico. Gli indagati dovranno ora difendersi dalle accuse, mosse a vario titolo, di prostituzione minorile, detenzione e produzione di materiale pedopornografico.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail