Confiscati immobili per 13 milioni a "nullatenente"


Risultava nullatenente l'uomo a cui il Nucleo di polizia tributaria di Ferrara ha confiscato beni immobili per 13 milioni di euro. Già condannato per reati di bancarotta fraudolenta, evasione fiscale, turbata libertà degli incanti, falso in atto pubblico e calunnia, l'uomo, un ferrarese, aveva intestato i beni a dei prestanome per eludere gli accertamenti.

La confisca, eseguita stamattina, ha riguardato un lussuoso complesso immobiliare formato da una villa padronale con parco e piscina, altri tre corpi di fabbrica con decine di appartamenti e abitazioni nel centro di Ferrara. Secondo le fiamme gialle il patrimonio sarebbe stato accumulato illecitamente dal soggetto che con una fitta rete di società anche estere create ad hoc e amministratori compiacenti ha venduto e ricomprato i beni oggi confiscati diverse volte per impedire appunto che gli venissero sottratti.

Le operazioni di compravendita e di pagamento dei mutui fondiari, basate su perizie falsificate per aumentare il valore degli immobili, erano state attuate per frodare il fisco e per ottenere liquidità da investire secondo la Gdf.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail