"Autobomba contro gli infedeli": arresti a Roma - VIDEO

I carabinieri del Ros hanno eseguito nelle scorse ore due ordinanze di custodia cautelare per terrorismo nei confronti di un 41enne di nazionalità macedone, Vulnet Maqelara, alias Carlito Brigande, già in carcere, e di un tunisino di 29 anni, Firas Barhoumi, presunto foreign fighter arruolatosi nella fila di Daesh e che sarebbe attualmente in Iraq.

Una terza persona, pure di nazionalità macedone, Abdula Kurtishi, evasa da un carcere del suo paese e in rapporti con Brigande, è stata arrestata la scorsa notte a Roma per evasione e falsa identità.

"Per me io ho segnato uno... per una operazione suicida... vuol dire prendo una macchina con l'esplosivo dentro per fare un'operazione contro i kuffar (gli infedeli).. inshallah"

direbbe Firas Bahroumi in un messaggio vocale intercettato dai carabinieri e riportato dall'Agi. Brigande secondo i Ros stava partendo dalla capitale per l'Iraq dove si sarebbe unito alle milizie dell'Isis quando a novembre scorso venne arrestato durante un normale servizio di controllo dai carabinieri di Roma Centro.

L'uomo era ricercato nel suo paese per reati contro la persona e il patrimonio. A casa sua vennero trovate delle lettere con frasi in arabo e fotografie che parlerebbero di un'inequivocabile adesione al radicalismo jihadista.

Dalla successive indagini si scoprì che il macedone era in contatto tramite chat con Bahroumi, all'epoca già in Iraq dove si era offerto quale volontario per il compimento di una missione suicida contro "gli infedeli" con un'autobomba.

L'altro arrestato nella notte a Roma, Abdula Kurtishi, di 26 anni, era ricercato in campo internazionale perché evaso da un carcere del suo paese dove stava scontando 8 anni per rapina. Kurtishi, legato a Brigande, dopo essere stato in diversi Paesi europei era arrivato in Italia a ottobre e girava documenti falsi. Numerose le perquisizione eseguite dal Ros a carico di altri soggetti in contatto con gli arrestati.

Le due ordinanze di custodia cautelare in carcere eseguite sono state emesse dal gip di Roma per l'accusa di associazione con finalità di terrorismo, con l'aggravante della transnazionalità del reato.

arresti terrorismo roma

  • shares
  • Mail