Camorra: boss latitante Luigi Cimmino catturato a Chioggia

arresto boss cimmino

Aggiornamento 9:30 - Dopo l’arresto, in un anonimo appartamento di Chioggia, Cimmino è stato tradotto nel carcere di Venezia. I carabinieri hanno anche denunciato un cinquantasettenne veneto per favoreggiamento personale. Il genero del boss Cimmino, Pasquale Palma, era invece nascosto a Napoli in un'abitazione di via Matteo Renato Imbriani.

Luigi Cimmino, boss latitante di camorra, è stato arrestato nella notte in Veneto dai carabinieri del comando provinciale partenopeo. L'uomo, 55 anni, secondo gli inquirenti è a capo del clan egemone nell'area collinare di Napoli, compreso il "quartiere bene" del Vomero.

Il boss aveva con sé una borsa pronta per la partenza e 7.000 euro in contanti. Mentre veniva ammanettato a Chioggia (Venezia), a Napoli i carabinieri notificavano un'altra ordinanza di custodia cautelare in carcere a suo genero Pasquale Palma, 35enne, anche lui latitante. Per tutti e due l'accusa è di associazione per delinquere di tipo mafioso ed estorsione.

Con Palma è stato trovato e arrestato un 33enne per l'accusa favoreggiamento. Sia Cimmino che Palma erano già stati fermati il 24 luglio scorso poi però il Tribunale del Riesame aveva annullato il provvedimento e una volta fuori al carcere i due erano spariti. Il mese scorso la corte di cassazione ha accolto il ricorso della direzione distrettuale antimafia di Napoli ripristinando l'ordinanza di custodia cautelare eseguita la scorsa notte.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail