Delitto Rosboch: nuova indagata per la professoressa uccisa?

gloria-rosboch.jpg

Nell'ambito dell’inchiesta sulla truffa e il conseguente omicidio di Gloria Rosboch, la prof di 49 anni scomparsa dalla sua casa di Castellamonte (TO) il 13 gennaio e trovata morta una settimana fa, ci sarebbe un’altra persona indagata.

Si tratta di una donna che avrebbe contattato l'insegnante, fingendosi un'impiegata di banca per convincerla a consegnare 187mila euro a Gabriele Defilippi, il 22enne da venerdì scorso in carcere per l'omicidio della professoressa insieme a sua madre e all’amico 50enne Roberto Obert. La telefonista secondo quanto riporta Adnkronos è stata già sentita dagli inquirenti alla presenza del suo legale.

L’avvocato di Defilippi, Pierfranco Bertolino, nel frattempo fa sapere che:

Gabriele è molto provato, mi ha detto di non voler più vivere e di volersi suicidare

Gabriele Defilippi è detenuto in isolamento e sotto sorveglianza H24. Il suo legale presenterà nei prossimi giorni la richiesta di sottoporlo a consulenza psichiatrica di parte. L’avvocato della madre invece chiede per la donna la revoca della custodia cautelare in carcere.

Matteo Grognardi, legale di Caterina Abbattista, attende ora la pronuncia del Riesame. A suo avviso non ci sono elementi per affermare che la donna ha avuto un ruolo nel delitto della professoressa Rosboch. La mamma di Defilippi era stata fermata dopo che l'alibi fornito per il giorno dell’omicidio è risultato in contrasto con gli accertamenti tecnici svolti da chi indaga.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail