Roma: subaffittava camere a prostitute e voleva parte dei guadagni, arrestata

Una donna di 43 anni residente a Roma è stata arrestata dai carabinieri della stazione di Trastevere con l'accusa di subaffittare le camere dell'appartamento dove viveva a delle prostitute. Inoltre la donna pretendeva dalle ragazze parte dei guadagni. I militari dell'Arma attraverso servizi di osservazione e appostamento hanno potuto constatare che la donna affittava le stanze per 15-20 giorni alla volta. L'andirivieni di uomini registrato a tutte le ore del giorno e della notte aveva fatto insospettire dei condomini che hanno così deciso di rivolgersi ai carabinieri.

Quando gli investigatori hanno bussato alla porta dell'appartamento in questione hanno potuto appurare che i sospetti del condominio erano più che fondati. Durante la perquisizione domiciliare sono stati sequestrati due telefoni cellulari che la 43enne, di nazionalità colombiano, usava per gestire direttamente gli incontri delle ragazze. La donna pubblicizzava anche l'attività delle squillo su vari siti internet specializzati, come se fosse la maîtresse di una vera e propria casa d'appuntamenti. Ora l'arrestata dovrà rispondere delle accuse di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e sarà processata con rito direttissimo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail