Salerno, Ospedale Ruggi: speso 1 milione di euro per letti che non entrano negli ascensori

schermata-2016-01-27-alle-19-11-17.jpg

L'azienda Ospedaliera Universitaria San Giovanni di Dio Ruggi d'Aragona di Salerno ha acquistato 400 nuovi letti per i degenti. Sono perfetti per le esigenze di un ospedale moderno, in linea con gli standard indicati dalle normative dell'Unione Europea. C'è un solo 'piccolo' problema: non entrano negli ascensori. La porta d'ingresso degli stessi è infatti troppo stretta e questi nuovi letti larghi 1 metro e 10 centimetri non si possono utilizzare per trasportare i degenti da un piano all'altro, per accompagnarli ad esempio in sala operatoria o a svolgere altri esami strumentali. Difatti dunque il loro utilizzo è molto limitato.

Un errore madornale, gravissimo considerando anche la spesa di 1 milione di euro sostenuta per acquistarli. L'unico modo per adattarli al trasporto è quello di utilizzare allo scopo i montacarichi, che però normalmente vengono adoperati per le esigenze di servizio come per il trasporto della biancheria o per quello dei deceduti fino all'obitorio. Il direttore Sanitario della struttura, il Dott. Angelo Gerbasio, ha addossato la responsabilità alla ditta appaltatrice, alla quale ha assicurato che chiederà di risolvere il problema a sue spese: "Ci siamo già attivati. Domani la ditta ci fornirà spiegazioni sulle possibili modifiche da fare, se ci saranno costi aggiuntivi o meno. Dalla risposta comprenderemo se bloccare o meno la gara d'appalto".

In attesa che venga risolto il problema e che vengano individuate le responsabilità a rimetterci sono i pazienti dell'Ospedale.

  • shares
  • Mail