Irlanda, picchiava e costringeva gli 8 figli piccoli a bere detersivo: 39enne condannata

courthouse-square.jpg

Una donna irlandese di 39 anni è stata giudicata colpevole, nella giornata di ieri, di aver picchiato, affamato e abbandonato a loro stessi otto dei suoi figli, in un periodo compreso tra il settembre 2006 e il maggio 2011

Nel corso del processo, che si chiuderà definitivamente il prossimo aprile, quando il giudice emetterà la sentenza sulla base del verdetto deciso ieri dai 12 giurati, sei dei suoi figli hanno testimoniato in video e raccontato cosa erano costretti a subire.

I bimbi venivano picchiati con cucchiai di legno e cinture, due sono stati quasi investiti con l’automobile. Quando i piccoli vivevano con la donna, sono stati loro a raccontarlo durante il processo, in casa non c’era mai cibo e le madre arrivava a sparire per diversi giorni, lasciandoli in balia di loro stessi. Al suo rientro, inoltre, scattavano le violenze.

Questo è stato confermato anche dai vicini di casa, che hanno raccontato in aula di aver visto più e più volte i bimbi girare per strada di notte, sporchi e malnutriti. Spesso erano proprio i vicini ad accogliere i bimbi e dar loro da mangiare o comprar loro dei vestiti nuovi.

É stata la stessa donna, in aula, a raccontare uno dei particolari più raccapriccianti. Nel negare di aver usato troppa forza nei loro confronti, la 39enne ha ammesso di aver più volte costretto i figli a bere del detersivo per lavare i piatti e di averli picchiati mentre lo facevano, come punizione:

Mia madre lo faceva sempre e non è mai successo nulla. Non ho fatto loro nulla che non fosse stato fatto a me quando ero bambina.

Dopo il verdetto della giuria, che ha visto la donna riconosciuta colpevole di 29 capi di accusa e non colpevole di altri 13, il giudice Karen O’Connor del tribunale di Galway deciderà la pena da infliggere la donna il prossimo aprile, in una data ancora da stabilire.

Via | Irish Examiner

  • shares
  • Mail