Uccide zia 80enne e simula incidente: 36enne arrestato a Sassari

Omicidio zia sassari

Omicidio camuffato da incidente a Sassari dove una donna di 80 anni, Bonaria Sanna, è stata uccisa in casa, nel quartiere di San Giuseppe con un colpo alla testa sferrato con un oggetto contundente.

A chiamare il 118, parlando di una caduta in casa, era stato il nipote della vittima, Salvatore Usai, 36 anni, ieri dopo mezzogiorno. Ai sanitari l'uomo, che in questo periodo viveva con la zia, aveva raccontato che la donna cadendo nell'abitazione aveva battuto la testa e non si erta più ripresa.

Racconto giudicato poco convincente dai medici che hanno così chiamato la polizia. L'intervento del medico legale ha fugato ogni dubbio, tra l'altro l'anziana era morta già da diverse ore quando il nipote ha chiamato i soccorsi. Messo sotto torchio dagli investigatori Usai, dopo sette ore di interrogatorio, ha infine confessato di aver ucciso la zia con un vaso poi gettato in un cassonetto della spazzatura.

L'omicidio sarebbe stato preceduto da una violenta lite tra zia e nipote per questioni di soldi. Usai è stato quindi arrestato e tradotto in carcere, l'autopsia sul corpo della vittima è stata fissata dal magistrato della procura di Sassari che coordina le indagini per lunedì.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail