Germania, quattro neonazi progettavano attentati contro moschee

Tra gli obiettivi anche centri di accoglienza dei profughi.

Neonazi indagati

In Germania non c'è solo il problema dei profughi, l'allerta terrorismo e il caso delle violenze a Colonia la notte di Capodanno, ma è scoppiato un altro caso: quello dei neonazi che progettavano attentati contro moschee e centri di accoglieva profughi.

Secondo quanto riporta lo Spiegel online, la procura federale tedesca ha accusato quattro persone, tre uomini e una donna, di aver formato un gruppo, denominato Oldschool Society, con l'obiettivo di progettare attentati contro moschee e centri di accoglienza profughi. Si tratta di persone dell'estrema destra, classificabili come neonazi, che su Internet divulgavano odio attraverso le chat e i social network e che erano pronte a passare all'azione, tanto che già da maggio avevano cominciato ad acquistare grandi quantitativi di materiale pirotecnico dall'estero da usare per realizzare ordigni artigianali con cui colpire i loro obiettivi. Avevano comprato anche chiodi e spirito con cui evidentemente volevano amplificare l'effetto degli esplosivi.

Tra i loro obiettivi c'erano predicatori salafiti, moschee e centri di accoglienza profughi.
I quattro membri della cellula neonazi sono Andreas H. 57 anni, Markus W. 40, Denise G. 23 anni, e Olaf O. 47 anni, che saranno processati davanti alla Corte d'Appello di Monaco.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail