Città di Castello (Perugia): donna uccisa a coltellate, il figlio resta in carcere

omicidio-citta-di-castello-perugia.jpg

13 gennaio 2016 - Federico Bigotti resta in carcere. Il giovane, accusato di aver ucciso sua madre, sarebbe dovuto essere scarcerato perché così aveva deciso il Tribunale del Riesame per una questione procedurale sollevata dalla difesa, tuttavia, prima di lasciare il carcere di Perugia dove è trattenuto, ha ricevuto la notifica di una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere e dunque non può lasciare il penitenziario.

Donna uccisa a coltellate, arrestato il figlio


3 gennaio 2016

- Federico Bigotti, figlio ventunenne di Annamaria Cenciarini è stato arrestato la sera di sabato 2 gennaio, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Le accuse rivolte a Bigotti sono di omicidio e maltrattamenti in famiglia. Lo scorso 31 dicembre era stata depositata una prima autopsia sulla donna di 55 anni. Il giovane aveva raccontato di avere visto la madre suicidarsi in cucina ed era successivamente scappato in camera sua da dove aveva chiamato il padre e il fratello che si trovavano al lavoro.

La donna, infatti, sarebbe stata aggredita alle spalle e successivamente accoltellata una dozzina di volte: alla gola, al petto e al cuore. Inoltre sia alle porte che alle finestre dell’abitazione non sono stati trovati segni di effrazione.

Città di Castello (Pg): donna uccisa a coltellate, indagato il figlio 21enne


29 dicembre 2015
federico-bigotti.jpg

Ore 18:40 - Federico Bigotti, il figlio 21enne della donna trovata morta ieri pomeriggio a Città di Castello, è stato indagato per l’omicidio della madre. A renderlo noto è l’ANSA, che cita come fonti i due legali del giovane, gli avvocati Francesco Areni e Vincenzo Bochicchio.

Il giovane, unica persona presente in casa mentre Anna Maria Cenciarini veniva uccisa, si sarebbe avvalso della facoltà di non rispondere.

29 dicembre 2015, ore 10:45 - L’omicidio di Anna Maria Cenciarini è ancora avvolto dal mistero. La donna di 55 anni è stata uccisa con almeno una decina di coltellate mentre si trovava nella propria abitazione sulle colline di Città di Castello, in provincia di Perugia, ma al momento non sarebbero emersi elementi in grado di dare certezze.

La vittima si trovava in casa insieme al figlio di 20 anni, che non si è accorto di nulla fino al ritrovamento del corpo ormai senza vita, e l’abitazione è così lontana dal centro abitato che fino ad ora non sono emersi testimoni in grado di aiutare le indagini.

I militari che hanno analizzato la scena del crimine non hanno evidenziato segni di effrazione su porte e finestre, nulla sembra esser stato trafugato dall’abitazione. L’arma del delitto, rinvenuta vicino al cadavere, potrebbe portare a qualcosa di concreto non appena sarà analizzata.

Da ore gli inquirenti stanno sentendo i familiari della donna, dal figlio 20enne che ha scoperto il corpo al marito e e all’altro figlio che al momento del delitto erano a lavoro in un’azienda della zona che produce macchinari agricoli.

Donna uccisa con numerose coltellate a Città di Castello


28 dicembre 2015

- Una donna di 56 anni è stata trovata morta questa mattina nella sua casa di Città di Castello, in provincia di Perugia. Il cadavere è stato scoperto dal figlio della donna. Numerosi i segni di coltellate sul corpo della vittima dell'efferato crimine, avvenuto in zona Belvedere.

L'abitazione della donna si trova in una zona piuttosto isolata, sulla strada regionale 257 Apecchiese.

Le forze dell'ordine sono sopraggiunte nel luogo e sono in corso le indagini per cercare di ricostruire la dinamica dell'omicidio e dare la caccia al colpevole. Al momento non si esclude alcuna pista.

belvedere-citta-di-castello.jpg

  • shares
  • Mail