Ceglie Messapica: ucciso detenuto in permesso, arrestato il cognato

omicidio brindisi

Era in permesso a casa il detenuto di 30 anni di Ceglie Messapica, Brindisi, ferito a morte ore nel giorno di Natale a seguito di una lite in famiglia, secondo una prima ricostruzione dei fatti. Poco dopo si è costituito presso la locale caserma dei carabinieiri il cognato, presunto autore dell'omicidio.

Giancarlo Zaccaria, questo il nome della vittima, è morto in ospedale, pare a a causa di una emorragia. Troppo gravi le ferite da arma da fuoco riportate dopo il litigio scoppiato durante il pranzo di Natale. L'arrestato è Patrizio Laveneziana, 45enne marito della sorella della vittima, arrestato per omicidio preterintenzionale. L'arma usata, una pistola semiautomatica, sarebbe stata regolarmente detenuta dall'uomo.

Ora si attendono i risultati dell'autopsia disposta dal pubblico ministero di turno della procura di Brindisi, autopsia che dovrebbe svolgersi questa mattina. La lite sarebbe riconducibile a questioni di natura privata, gli investigatori stanno cercando di fare chiarezza.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail