Detroit, poliziotto uccide un afroamericano

DETROIT, MI - NOVEMBER 06: Detroit police officers investigate a shooting outside of a barber shop where nine people were shot November 6, 2013 in Detroit, Michigan. Detroit Police Chief James Craig confirmed that three people were killed and the suspects were still at large.  (Photo by Joshua Lott/Getty Images)

Un’altra vittima della frenesia omicida della polizia statunitense. Il 2015 è stato un anno terribile per le vittime delle forze dell’ordine americane e in particolar modo per gli afroamericani. L’ultimo episodio è quello di Detroit, dove un afroamericano, Kevin Mathews, è stato ucciso durante un diverbio con la polizia. L’ennesimo caso di abuso di potere che rischia di incendiare gli Stati Uniti e le proteste delle comunità afroamericane del Paese.

La polizia è intervenuta per arrestare Matthews dopo che questi aveva violato la libertà vigilata ed era accusato di furto. L’uomo ha cercato di scappare dopo avere visto gli agenti di polizia, quando questi lo hanno raggiunto ne è nata una colluttazione e uno degli agenti ha fatto fuoco ferendolo.

“Hanno ucciso mio figlio per nulla. Non era armato” ha detto la madre Valerie Johnson. I familiari della vittima hanno smentito la versione della polizia secondo la quale la vittima avrebbe opposto resistenza.

James Craig, capo della polizia di Detroit ha avviato un’inchiesta. Secondo la versione della polizia, l’omicida avrebbe visto l’uomo e sarebbe uscito dall’auto bloccandolo nel giardino di casa dopo un breve inseguimento. A quel punto fra Matthews e l’agente sarebbe nata una colluttazione e sarebbero partiti alcuni colpi che avrebbero ucciso il primo, mentre il secondo avrebbe riportato alcune ferite.

Sembra che Kevin Mathews fosse affetto da schizofrenia.

Secondo il report The Counted di The Guardian, nel 2015 almeno 1108 persone sono state uccise dalla polizia sul territorio statunitense. Inoltre, dalle statistiche curate dalla testata inglese emerge che il 27% delle vittime aveva problemi mentali. L’altro dato in cui ricade il caso di Mathews è la preponderanza di vittime afroamericane: se, infatti, i bianchi uccisi dalla polizia sono nell’ordine di 2,71 per milione, gli ispanici 3,06 per milione e gli asiatici 1,01 per milione, gli afroamericani vittime delle forze di polizia sono 6,46 per milione.

Nella sola California sono state uccise 204 persone, mentre in Vermont non ci sono state vittime.

Il caso di Detroit rischia davvero di far esplodere una nuova ondata di proteste. Lo scorso 5 dicembre la polizia ha freddato con una fucilata un uomo armato di rasoio; nel mese di novembre, a Washington, Rashad Bugg-Bey, 25 anni, è morto a colpi di pistola sparati da un agente dopo che il giovane aveva ferito una donna con un coltello.

Via | WXYZ

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: