Catania, Natale Pedalino ucciso a coltellate a Paternò: fermato Giulio Arena

omicidio-catania.jpg

21 dicembre 2015 - Giulio Arena, docente del Conservatorio di Palermo, è stato fermato con l’accusa di essere l’autore dell’omicidio di Natale Pedalino, trovato cadavere sabato sera in una contrada di Paternò, nel Catanese.

Il 57enne, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avrebbe ucciso il 66enne al termine di un litigio per futili motivi, pare legato a dei lavori di giardinaggio e di raccolta delle olive che Pedalino, disoccupato, aveva fatto nella proprietà di Arena a Belpasso.

Arena è stato fermato stanotte e al momento si trova in carcere in attesa dell’interrogatorio di garanzia. Sentito dagli investigatori, l’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere.

20 dicembre 2015 - Un uomo di 66 anni, identificato come Natale Pedalino, è stato trovato cadavere intorno alle 22 di ieri sul ciglio di una stradina di campagna alla periferia di Paternò, in provincia di Catania.

Gli inquirenti parlano di una vera e propria esecuzione, ma non di stampo mafioso: l’uomo sarebbe stato ucciso con oltre 30 coltellate, quasi certamente in un luogo diverso da quello in cui è stato ritrovato.

L’omicidio, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, sarebbe avvenuto intorno alle 17 di ieri, poche ore prima del ritrovamento. Se sembra esclusa la pista della criminalità organizzata - le dovute verifiche sono comunque in corso - in queste ore ci si sta concentrando su un delitto di impeto.

Scavando nella vita privata dell’uomo alla ricerca di un possibile movente e di una pista valida, le autorità avrebbero già ristretto il cerchio dei sospettati a una sola persona, di cui al momento non è stata resa nota l’identità.

  • shares
  • Mail