Truffa da un milione di euro a un paraplegico

Truffa assicurazioni Caserta

Il gip del Tribunale di Milano ha emesso tre ordinanze di custodia cautelare nei confronti di tre persone che hanno realizzato una truffa ai danni di un paraplegico. I tre arresti sono avvenuti nelle prime ore della mattina, nelle rispettive abitazioni di Monza, Robbio Lomellina (Pv) e Valsolda (Co).

Nel corso dell’indagine condotta dai carabinieri della polizia giudiziaria di Milano dall’agosto 2014, dopo la denuncia di un giovane imprenditore diventato paraplegico a causa di un incidente, si è scoperto che i tre truffatori si erano spacciati per appartenenti ai servizi di intelligence statunitensi e avevano detto alla vittima del raggiro di essere amministratori di una multinazionale attiva nella conversione in campo civile di tecnologie militari.

Al giovane paraplegico era stato promesso il recupero dell’utilizzo degli arti inferiori grazie a un rivoluzionario intervento chirurgico che sarebbe dovuto avvenire in una struttura medica svizzera. Costo dell’operazione? Un milione di euro.

Dopo la denuncia della vittima, le indagini hanno permesso di scoprire un’altra truffa da 400mila euro ai danni di un imprenditore attivo nelle tecnologie ambientali. Al malcapitato era stata promessa la costituzione di una società che avrebbe dovuto sviluppare un sistema per la produzione di energia elettrica e per la distruzione di rifiuti urbani ed industriali. All’imprenditore truffato era stato ventilato un business incentrato su di un “distruttore molecolare”.

I carabinieri sono riusciti a rintracciare 960mila euro riconducibili alle due truffe, ma in tutto la cifra estorta con i due raggiri ammonta a 1 milione e 400mila euro.

Via | Askanews

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail