Novara, ucciso a calci e pugni in un bosco: fermato un amico

Cadavere bosco Novara

Macabra scoperta in un piccolo bosco alla periferia di Novara dove il cadavere di un uomo di 44 anni è stato rinvenuto dai carabinieri nei pressi del torrente Agogna. Secondo i primi rilievi medico-legali si tratta di omicidio: la vittima sarebbe stata uccisa durante una lite a calci e pugni. Il corpo senza vita è stato trovato stamattina nella zona di via Scalise-via Monte Rosa.

Dell'uomo non si avevano più notizie da lunedì e ieri la madre ne aveva denunciato la scomparsa ai militari dell'Arma di Novara che avrebbero già fermato il presunto omicida. A uccidere il 44enne sarebbe stato un suo amico: i due lunedì scorso avevano visto la partita di calcio del Novara insieme, poi sarebbe scoppiata una lite, per motivi ancora da accertare, degenerata nel delitto.

Il litigio tra i due amici sarebbe avvenuto in un bar poco lontano dal luogo del ritrovamento del cadavere. La vittima sarebbe stata prima colpita con una spranga e poi trascinata nel boschetto, secondo la ricostruzione che si legge su La Stampa. Le indagini proseguono anche per capire se la persona fermata abbia agito con dei complici.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail