Francesco Miccichè, ex vescovo di Trapani, accusato di aver speso 2 milioni della Curia in ville e B&B

trapani1.jpgFrancesco Miccichè, ex vescovo di Trapani, è accusato di aver utilizzato 2 milioni di euro destinati alla Chiesa per comprare ville e mettere in piedi un bed & breakfast. È questo uno degli aspetti dell'indagine della Procura di Trapani che sta per essere chiusa in questi giorni.

Le accuse sono quelle di appropriazione indebita, malversazione, diffamazione e calunnia.

Miccichè si sarebbe appropriato dell'8 per mille destinato alla diocesi di Trapani. Quei soldi, circa 2 milioni di euro, sarebbero stati spesi - come si legge su Repubblica - "nell'acquisto di appartamenti e ville, a cominciare da quella mastodontica (in parte adibita a bed and breakfast) di Monreale nella quale è andato a vivere insieme alla sorella e al cognato dopo la sua rimozione dall'incarico decisa da Papa Ratzinger in seguito all'apertura dell'indagine nei suoi confronti".

Sarebbero stati comprati anche tre appartamenti a Palermo e un'altra villa a Trabia, a pochi chilometri dal capoluogo siciliano. Lo riferisce RaiNews.

Miccichè avrebbe tirato in ballo il suo ex economo, don Antonino Treppiedi, attribuendo a lui alcuni degli elementi contestati. Di qui le accuse di diffamazione e calunnia.

L'ex vescovo, a quanto dice l'articolo pubblicato su Repubblica, avrebbe tentato una via di fuga chiedendo aiuto a Papa Francesco:

Micciché ha tentato diverse volte un approccio per chiedere - come raccontano indiscrezioni - un incarico e la cittadinanza vaticana che potrebbe sottrarlo alla giurisdizione italiana. L'ultimo incontro è di pochi giorni fa, il 9 dicembre, al termine dell'udienza generale del mercoledì quando tutti i vescovi (e nonostante la rimozione dall'incarico, in attesa della conclusione dell'indagine, Micciché rimane vescovo emerito) senza obbligo di identificazione o di richiesta personale di udienza hanno la possibilità di accedere al pontefice. Dal Vaticano, però, nessuna risposta alla richiesta dell'alto prelato.

  • shares
  • Mail