Los Angeles, 28enne afroamericano ucciso dalla polizia | Video

La vittima è Nicholas Robertson, padre di tre figli.

L'ennesimo caso di omicidio di un nero da parte della polizia si è verificato sabato scorso, 12 dicembre 2015, a Lynwood, una cittadina che si trova a circa 25 km da Los Angeles. La notizia si è diffusa in tutto il mondo in queste ore insieme con il video, registrato da un passante, che potete vedere in alto, in cui è ripresa la scena dell'uccisione di un giovane di 28 anni, identificato come Nicholas Robertson, da parte di due agenti dell'ufficio dello sceriffo della contea di Los Angeles.

La sparatoria è avvenuta intorno alle 11 del mattino di sabato scorso dopo che più di una persona aveva chiamato la polizia perché aveva notato un uomo di colore che brandiva un'arma (forse un fucile) e sparava in aria. Sono state diffuse almeno tre telefonate ricevute dal numero di emergenza da tre diversi testimoni che si trovavano in zona quando Nicholas Robertson sparava dei colpi di arma da fuoco in aria.

La polizia ha fatto sapere che gli agenti hanno esploso 33 colpi contro Robertson. Nel video si vede che i poliziotti continuano a sparare anche dopo che l'uomo, colpito, si accascia, si gira dall'altra parte e prova ad allontanarsi. Gli altri colpi gli sono stati fatali.

Robertson era padre di tre bambini e la sua famiglia afferma che la sparatoria è assolutamente ingiustificata. Intanto si teme che possano accendersi nuovi focolai di protesta, come è già avvenuto dopo l'uccisione di altri afroamericani da parte della polizia negli ultimi due anni.

Secondo quanto riportato dal New York Times diverse persone si sono riunite sul luogo in cui è stato ucciso Robertson per protestare contro la polizia. Intanto sul caso è stata aperta un'inchiesta per capire se tutti quei colpi esplosi dagli agenti erano necessari oppure no.

Los Angeles, polizia uccide nero 28enne

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail