Blitz antimafia ad Agrigento e Porto Empedocle: 9 arresti - VIDEO

Operazione antimafia tra Agrigento e Porto Empedocle condotta dalla polizia che con l'esecuzione di 13 misure restrittive ha colpito presunti esponenti di Cosa Nostra. Gli investigatori ritengono di aver fermato boss e gregari delle riorganizzate famiglie mafiose di Agrigento e Porto Empedocle collegate a loro volta con elementi delle cosche palermitane.

Su 13 provvedimenti ci sono sei ordinanze di custodia cautelare in carcere, tre agli arresti domiciliari e quattro obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. Secondo le indagini gli arrestati oltre a imporre il racket delle estorsioni a molte aziende della zona, hanno manipolato appalti per una serie di importanti opere, tra cui il rigassificatore di Porto Empedocle in via di costruzione, i trasporti con l'isola di Lampedusa e le attività di ristrutturazione di case popolari.

Il blitz è stato messo a segno dagli agenti della mobile delle questure di Palermo a Agrigento sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia palermitana. Tra i presunti boss arrestati, come si legge su la Repubblica Palermo, spuntano i nomi di Antonino Iacono detto "u giardinisi", Francesco Messina e Pietro Campo. Quest'ultimo secondo gli inquirenti, negli ultimi mesi aveva intrattenuto rapporti con i boss di Corleone.

Tra gli altri soggetti indagati Giuseppe Piccillo, ritenuto uomo di fiducia di Iacono e organizzatore di summit mafiosi, Francesco Capizzi e Francesco Tarantino che apparterrebbero alla famiglia mafiosa di Porto Empedocle.

mafia grigento porto empedocle

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail