Delitto di Perugia: Raffaele Sollecito racconta in un libro il suo viaggio all'inferno con Amanda Knox

C'era da aspettarselo. Un caso delicato come quello dell'omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, con due dei tre imputati assolti in appello dopo esser stati condannati in primo grado, non poteva non trovare spazio sulle pagine di un libro, una biografia-verità scritta da uno dei due assolti. Ci ha pensato Raffaele Sollecito, che si appresta a pubblicaree il suo Honor Bound - My journey to the hell and back with Amanda Knox, che in italiano suona come "questione di onore: il mio viaggio all'inferno e ritorno con Amanda Knox".

A rivelarlo oggi è The Associated Press, che ne ha acquistato una copia in anteprima e ne ha rivelato il contenuto. La biografia, in uscita il 18 settembre, ripercorre tutti i momenti salienti della relazione di Sollecito con Amanda Knox, insieme a lui principale imputata nel processo per l'omicidio di Meredith e come lui assolta in secondo grado lo scorso 3 ottobre, dal primo incontro all'incubo delle accuse, dell'arresto e del lungo processo.

Nel ribadire la sua innocenza, Sollecito critica aspramente l'operato degli inquirenti - arriva anche a parlare di complotto nei suoi confronti - ed ammette di aver peccato di ingenuità quando, durante i primi rilievi della polizia scientifica sulla scena del crimine, lui era impegnato ad abbracciare e baciare Amanda, come se il fatto che a pochi metri ci fosse il cadavere di una ragazza non avesse alcuna importanza.

Il giovane ha confermato la sua versione dei fatti, il suo alibi per la sera del 1° novembre 2007: si trovava nel suo appartamento insieme ad Amanda Knox, fumando spinelli e facendo sesso prima di addormentarsi e di scoprire soltanto il giorno successivo quanto accaduto a casa della Knox.

Ma quello di Sollecito non sarà l'unico libro-verità sulla vicenda: Amanda Knox ha firmato un contratto da 4 milioni di dollari con HarperCollins per la stesura di un libro che dovrebbe vedere la luce la prossima primavera.

Foto | Twicsy

  • shares
  • Mail