Treviso, arrestati tre siriani con passaporto falso

Security agents control hand luggage and passengers at the airport of Frankfurt/Main, western Germany on December 28, 2009. Safety measures have been itensified at busy transport centres ahead of this weekend's federal elections on September 27, after warnings of attacks in protest at the country's military deployment in Afghanistan. AFP PHOTO DDP /THOMAS LOHNES  GERMANY OUT (Photo credit should read THOMAS LOHNES/AFP/Getty Images)

Tre siriani in possesso di passaporti falsi sono stati arrestati all’aeroporto di Treviso. Il fatto si è verificato una settimana fa, ma la notizia è stata diffusa solamente oggi. I tre uomini fra i 27 e i 48 anni erano in procinto di partire per Malta. Dai primi accertamenti pare che i tre uomini – di età compresa fra i 27 e i 48 anni – avessero collegamenti con frange terroristiche.

I loro passaporti erano intestati a cittadini greci; gli agenti della Polaria hanno scoperto che i documenti erano stati falsificati e che gli stranieri erano di nazionalità siriana.

La magistratura di Treviso ha rimesso in libertà i tre cittadini siriani che sono stati accompagnati dalla Questura al Cie di Bari. Le indagini hanno permesso di ricostruire l’itinerario che ha consentito ai tre siriani di raggiungere il Veneto attraverso la rotta balcanica: dopo essere transitati dalla Turchia ed essere entrati in possesso di un lasciapassare della durata di sei mesi rilasciato dalla Grecia, i tre uomini hanno raggiunto la Slovenia e da lì, dopo essere transitati dall’Austria sono approdati a Treviso.

Alcuni casi di questo tipo sono stati registrati a Bergamo (Orio al Serio) e a Civitavecchia.

Via | Corriere del Veneto

  • shares
  • Mail