Giovane ucciso per 10 euro a Catanzaro. Inquirenti: "violenza inaudita"

marco gentile catanzaro

Aggiornamento 26 ottobre 2015 - Per l'omicidio di Marco Gentile a Catanzaro la polizia ha arrestato il coetaneo Nicolas Sia, di 19 anni. Secondo la ricostruzione degli inquirenti Gentile avrebbe avrebbe avuto un debito di 10 euro con Sia, per uno spinello da lui acquistato e non ancora pagato. "L'omicidio avvenuto ieri sera è una vicenda assurda e di una violenza inaudita. L'omicidio è già un fatto gravissimo ma uccidere un ragazzo di diciotto anni per dieci euro è davvero inaudito. Non si riesce a trovare le parole per poter commentare un episodio di questo genere. Un fatto incomprensibile con una furia omicida senza precedenti" ha detto all'agenzia ANSA il procuratore di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo.

Catanzaro: 19enne ucciso con una coltellata alla gola, arrestato coetaneo


25 ottobre 2015

Un ragazzo di 19 anni è stato ucciso ieri sera a Catanzaro con una coltellata. Marco Gentile, questo il nome della vittima, sarebbe stato colpito con un fendente alla gola da un suo conoscente e coetaneo. Il presunto assassino è stato già fermato dagli agenti della squadra mobile del capoluogo di regione calabrese e portato in questura.

Gentile, secondo la ricostruzione degli investigatori, è stato accoltellato a morte al culmine di una lite, morendo poco dopo il suo ricovero in ospedale nel reparto di rianimazione. Il giovane arrestato con l'accusa di omicidio è stato rintracciato in tarda serata nelle campagne di Catanzaro: le sue generalità non sono state fornite, si sa che a difenderlo è l'avvocato Giancarlo Pittelli.

La polizia avrebbe identificato il sospetto omicida grazie ad alcune testimonianze. Secondo il Quotidiano del Sud dietro il litigio sfociato in omicidio potrebbero esserci dei futili motivi ma al momento nessuna ipotesi viene scartata. Il delitto si è consumato in un vicolo tra i giardini di San Leonardo e l'ospedale Pugliese di Catanzaro, davanti a diversi giovani.

Numerose le persone che hanno assistito alla lite sfociata in tragedia, quattro persone in particolare avrebbero aiutato gli agenti che ora visioneranno anche i filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona che potrebbero aver ripreso l'omicidio e la fuga del responsabile.


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail