Gela: 19enne ferito in un agguato tra la folla, arrestato sorvegliato speciale

agguato a gela

È stato arrestato grazie alle immagini riprese dalla telecamere di sorveglianza il presunto autore dell'agguato compiuto a Gela ieri sera intorno alle 20.30 in mezzo alla folla. In manette è finito Alessandro Pellegrino, 25enne sorvegliato speciale con l'accusa di aver esploso in via Generale Cascino, quattro colpi di pistola calibro 7,6 contro un ragazzo di 19 anni, Giuseppe Trubia, pastore incensurato, rimasto ferito a un piede.

Un altro giovane che era con Trubia è rimasto illeso mentre due fidanzati che erano sulla traiettoria dei proiettili sono stati sfiorati da uno dei colpi che ha sfondato il parabrezza dello loro auto. Pellegrino dovrà ora rispondere dell'accusa di duplice tentato omicidio, porto abusivo di arma da fuoco e violazione delle prescrizioni della sorveglianza speciale.

L'arrestato ha negato di essere il responsabile dell'agguato, ma a incastrarlo ci sarebbero le immagini di alcune telecamere di sicurezza dei negozi della zona che lo avrebbero filmato mentre si allontana con la pistola ancora in pugno dal luogo del ferimento.

Secondo la polizia di Gela il ragazzo subito dopo si sarebbe disfatto della pistola. Dietro l'agguato ci sarebbe la volontà di vendicarsi di Pellegrino nei confronti di Trubia il quale, secondo l'arrestato, lo aveva offeso pubblicamente 15 giorni prima difendendo la commessa di un bar dai pesanti apprezzamenti del sorvegliato speciale che si trova adesso nel carcere di Gela a disposizione dell'autorità giudiziaria.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail