Catania: prete condannato per abusi su minore continua a dire messa

don chiarenza pedofilia

Un sacerdote condannato dal tribunale ecclesiastico per abusi sessuali su un minore continua a dire messa nel catanese. A rendere nota la vicenda è una onlus antipedofilia che chiede a Papa Francesco di intervenire direttamente per porre fine allo "scandalo".


"Carlo Chiarenza è stato condannato all'allontanamento per 8 anni dalla Sicilia e dalla sua diocesi perchè riconosciuto colpevole dalla sua chiesa di abusi sessuali nei confronti di Teodoro Pulvirenti, quando quest'ultimo era un minore. Si tratta di una condanna in primo grado, ma pochi giorni fa il vescovo Nino Raspanti di Acireale (provincia di Catania, ndr) ha scandalosamente autorizzato Chiarenza a concelebrare una messa davanti a tanti fedeli"

è l'accorata e circostanziata denuncia di Roberto Mirabile, presidente della onlus La Caramella Buona.

La messa in questione è stata celebrata da don Chiarenza, ex rettore della Basilica San Sebastiano di Acireale, nella chiesa di Aci San Filippo, sempre in provincia di Catania. Mirabile ha poi citati il caso del sacerdote di Trento sospeso per aver pronunciato parole "oscene e censurabili" sulla pedofilia.

"Quelle erano parole qui invece si è passati ai fatti"

ha concluso Mirabile.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail