Poliziotto arrestato per rapina a Lucca

Poliziotto arrestato lucca

Un agente di polizia in forze alla Digos di Pisa è stato arrestato con l'accusa di rapina a mano armata. Sarebbe stato lui, ieri sera, a fare irruzione in un supermercato Conad di Lucca per poi farsi consegnare sotto la minaccia della sua pistola d'ordinanza 4.500 euro in contanti.

Il poliziotto arrestato per rapina lavora nella sezione investigativa della Digos pisana e in passato aveva svolto indagini antiterrorismo facendo parte anche della squadra che si era messa sulle tracce sulle nuove brigate rosse e che portarono all'arresto della brigatista Cinzia Banelli, che poi ha saltato il fosso collaborando con gli inquirenti.

L'agente finto agli arresti è un 50enne assistente capo della Digos. L'uomo avrebbe agito spinto da necessità economiche aggravatesi ultimamente a causa di alcuni debiti di gioco secondo una prima ricostruzione degli investigatori, riportata da Lucca in diretta.

Due anni fa, con lo pseudonimo Daniele Lama, l'assistente capo aveva pubblicato il libro “Da grande voglio fare il tenente Colombo”. Invece si è riscoperto rapinatore. Solo dopo averlo portato in questura, alcuni poliziotti si sono resi conto di aver arrestato un collega, nel portafoglio c'era il suo tesserino di riconoscimento.

"Siamo sconcertati e davvero non sappiamo dare una spiegazione a quanto successo. Negli ultimi tempi non ha mai dato segni di nervosismo o altri segnali che lasciassero prevedere qualcosa di preoccupante. Era rientrato in servizio dopo un periodo di malattia ma le sue condizioni psicofisiche erano buone. E' un fatto inspiegabile, che ci amareggia. Nessuno, neppure tra i suo colleghi più stretti, riesce a dare una motivazione al gesto che ha compiuto"

ha detto alla stampa il questore di Pisa Alberto Francini.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail