Imprenditore ucciso a Santa Maria Capua Vetere durante rapina: caccia ai killer

pasquale guarino ucciso

La polizia dà la caccia ai tre malviventi che ieri pomeriggio hanno ucciso a Santa Maria Capua Vetere (Caserta) l’imprenditore agricolo Pasquale Guarino, 56 anni, durante un tentativo di rapina.

L'uomo sarebbe stato raggiunto da tre colpi di pistola mentre difendeva una sua dipendente la quale aveva con sé tremila euro che erano il provento della vendita di frutta al mercato, al momento del fatto c'erano anche altri dipendenti di Guarino.

Nella notte i carabinieri hanno ascoltato diversi testimoni, mentre quattro persone sarebbero state sottoposte a un vero e proprio interrogatorio. Per ora non si hanno notizia di indagati o di arresti dei presunti killer.

I militari della compagnia di Santa Maria Capua Vetere cercano di stringere il cerchio delle indagini per catturare i responsabili dell’omicidio avvenuto nelle campagne che dividono Santa Maria Capua Vetere da San Tammaro. Guarino, sposato a padre di due figli, è morto durante il trasporto in ospedale.

«È una notizia drammatica che ci ha sconvolto Stento a credere che esista tanta brutalità. È impensabile che un uomo, un onesto lavoratore, non riesca a rientrare in casa al termine di una giornata di lavoro perché qualcuno ha deciso che la sua vita dovesse finire in quel modo. Sono vicino alla famiglia esprimendo il mio più profondo cordoglio e al contempo mi auguro che le forze dell’ordine riescano a catturare quanto prima i responsabili di questo efferato delitto per assicurarli per sempre alla giustizia»

ha detto il sindaco di Santa Maria Capua Vetere Biagio Di Muro - le cui parole sono riportate da Interno 18.it - facendosi interprete del dolore di un’intera comunità.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail