Strage di Caselle Torinese, Dorotea De Pippo condannata all'ergastolo

8 ottobre 2015 - I giudici della Corte d'Assiste di Torino hanno accolto la richiesta dei pm e hanno condannato all’ergastolo Dorotea De Pippo per la strage di Caselle Torinese, di cui secondo l’accusa sarebbe stata l’ideatrice.

La donna, ex colf delle tre vittime - l’anziana Emilia Dall’Orto, sua figlia Maria Angela Greggio e il marito Claudio Allione - è stata anche condannata a risarcire con una provvisionale da 300 mila dollari il figlio e nipote delle vittime, Maurizio Allione.

L’uomo, subito dopo la lettura del dispositivo, ha dichiarato:

I miei hanno avuto giustizia. Per me è un piccolo passo per ricominciare, anche se so che nessuno me li restituirà…

Per lo stesso triplice omicidio, lo ricordiamo, è già stato condannato anche Giorgio Palmieri, compagno di De Pippo, ritenuto l’esecutore materiale della strage.

Strage di Caselle Torinese, chiesto l’ergastolo per Dorotea De Pippo

La Procura di Torino ha chiesto l’ergastolo per Dorotea De Pippo, a processo per la strage di Caselle Torinese avvenuta il 3 gennaio dello scorso anno. I pm non hanno dubbi: fu lei a organizzare l’omicidio di Emilia Dall’Orto, 93 anni, sua figlia Maria Angela Greggio e il marito Claudio Allione, di 66 e 65 anni, accoltellati nel loro appartamento.

L’esecutore materiale, il compagno di De Pippo, Giorgio Palmieri, è già stato condannato all’ergastolo e ora si sta per concludere il processo alla donna, ex colf della famiglia sterminata. E stamattina, nel corso dell’ultima udienza, è arrivata la richiesta: ergastolo.

Il motivo è presto detto. Per i pm di Torino, Fabio Scevola e Roberto Sparagna, non soltanto Dorotea De Pippo è stata l’ideatrice della strage - per motivi economici e perchè provava rancore per la famiglia per cui aveva lavorato fino a pochi giorni prima - ma anche perchè avrebbe tentato di sviare le indagini e, soprattuto, dal momento dell’arresto ad oggi non avrebbe mai mostrato segni di pentimento.

I pm, nel chiedere la condanna, hanno precisato che non dovranno essere concesso all’imputata attenuanti di nessun tipo.

Italian scientific police

  • shares
  • Mail