Spaccio a Taranto, 16 arresti

16 arresti nella città vecchia, vera centrale di spaccio a cielo aperto

taranto-città.vecchia-586x397.jpeg

Questa mattina all'alba gli uomini della Questura di Taranto, coadiuvati dai Reparti prevenzione Crimine di Bari e Potenza con l'ausilio di cani antidroga, hanno arrestato 16 persone a Taranto tutte accusate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

L'operazione, svoltasi principalmente nella città vecchia, si presume possa aver messo fine ad una fittissima rete di spaccio, la cui attività è stata ampiamente documentata dagli uomini in divisa, dedita al commercio illecito di cocaina, eroina, hashish, marijuana e metadone: in particolare la zona di largo San Gaetano, nel cuore della città vecchia di Taranto, si era trasformata da tempo in vera e propria centrale di spaccio a cielo aperto, con centinaia di compravendite di stupefacenti che sono state documentate ogni giorno.

L'operazione, denominata 'Fisheye', ha fatto emergere un ruolo preponderante e di spicco, nell'attività del gruppo, di alcune donne che con piglio militare gestivano l'intera organizzazione, composta dal collettore di denaro, lo spacciatore, il palo e l'addetto al trasporto della droga che veniva spacciata anche alla presenza di minorenni, figli di alcuni indagati.

I particolari dell'operazione verranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà in presso la sala stampa della questura per le ore 10.30, alla presenza del procuratore della Dda di Lecce, Cataldo Motta e del procuratore della repubblica di Taranto Franco Sebastio.

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail