Londra: giallo sulla morte del ristoratore italiano Fabio Cabitza, ipotesi omicidio

cabitza-ucciso-londra.jpg

È giallo a Londra per la morte di un sardo di 35 anni, deceduto in circostanze tutte da accertare. L’uomo sarebbe stato ucciso, ma sarà l’autopsia, programmata per i primi di settembre, a dover chiarire i fatti. Fabio Cabitza, originario di Gonnosfanadiga, in provincia di Cagliari, è stato trovato morto nella notte a cavallo tra il 26 e il 27 agosto scorsi.

Da Scotland Yard trapela che l’uomo potrebbe essere rimasto vittima di una rapina in casa finita male, ma per ora si indaga a 360 gradi e nessuna pista può considerarsi esclusa. Il 35enne, sarebbe stato aggredito dopo aver sorpreso tre ladri nella sua abitazione e ucciso dopo aver fatto un volo di diversi metri dalla finestra dell'appartamento in Digby road. L'Unione Sarda scrive che ci sarebbero già stati dei fermi.

Cabitza secondo fonti diplomatiche italiane era una "persona assolutamente non problematica". Si era trasferito in Inghilterra in cerca di fortuna e stava gestendo con successo un bar-ristorante.

Secondo i funzionari del consolato italiano a Londra, un assistente sociale incaricato dalla sede diplomatica sta mantenendo i contatti con i familiari di Cabitza che era a Londra da cinque anni dove dirigeva il ristorante il “Goppà” in Homerthon High Street, nel nord-est della capitale inglese, in un quartiere facente parte della più vasta area di Hackney, non esattamente tra le zone più tranquille della metropoli inglese per atti criminali e violenze.

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail