Torre Del Greco, omicidio di Piero Spineto: arrestato il padre del 15enne accusato del delitto

12 agosto 2015 - E’ stato arrestato ieri, dopo giorni di ricerche, il padre del 15enne accusato dell’omicidio di Pietro Spineto. L’uomo, accusato di detenzione e porto abusivo di arma da fuoco, si è presentato ieri pomeriggio in commissariato e si è costituito, indicando agli agenti il luogo in cui aveva nascosto l’arma del delitto, un pistola semiautomatica calibro 7,65 di sua proprietà.

Poche ore prima si era tenuto il primo interrogatorio formale del giovanissimo, al momento accusato di omicidio colposo. Il 15enne ha confermato la versione dei fatti fornita fin dai primi istanti, ribadendo che il colpo che ha ucciso Spineto è partito in modo accidentale.

Almeno due persone, secondo quanto raccontato dal giovane, possono confermare quel racconto: si tratta di due cittadini residenti in un appartamento che affaccia nell’androne del palazzo in cui è avvenuta la tragedia. I due, marito e moglie, si sono affacciati subiti dopo aver udito lo sparo e hanno chiesto spiegazioni al 15enne, che li avrebbe rassicurati e fatti rientrare.

Omicidio di Piero Spineto: la versione del reo confesso non convince gli inquirenti

10 agosto 2015 - Nonostante la piena confessione fornita dal 15enne, la morte di Pietro Spineto continua ad essere ancora avvolta da un alone di mistero. La versione del presunto assassino, che ieri si è presentato dai carabinieri e ha ammesso che il colpo fatale era partito accidentalmente da una pistola trovata in strada, non ha convinto del tutto gli inquirenti.

L’arma del delitto non è stata ancora ritrovata. Il giovanissimo ha indicato ai militari il luogo in cui l’ha abbandonata, ma quella pistola semiautomatica sembra essere svanita nel nulla.

Non solo. I racconti di alcuni residenti nell’area, che avevano riferito dei due ragazzi discutere animatamente, sono stati ritrattati subito dopo la confessione del 15enne che, stando a quanto scrive oggi Il Mattino, sarebbe il nipote di un elemento di spicco del clan Falanga, egemone nella zona:

Negli anni Novanta la nonna, affiliata al clan Falanga, era considerata regina indiscussa del narcotraffico in città. Mentre il padre ancora oggi è un esponente di spicco della cosca di corso Umberto.

Mentre le indagini proseguono e si cerca di fare chiarezza sull’accaduto, almeno tre parenti dei due ragazzini sono stati denunciati in stato di libertà per favoreggiamento.

Torre Del Greco, giocano con pistola trovata in strada: ucciso il 19enne Piero Spineto

omicidio-a-torre-del-greco.jpg

11.30 - Nessuna esecuzione in strada, come ipotizzato in un primo momento, ma un tragico incidente. A sparare a Piero Spineto sarebbe stato un suo amico minorenne, un ragazzino di 15 anni che questa mattina si è presentato dai carabinieri insieme alla madre e ha confessato tutto.

I due, secondo quanto riferito dal 15enne, avevano trovato una pistola semiautomatica - non ancora rinvenuta dagli inquirenti - e hanno iniziato a giocarci. Dall’arma sarebbe partito un colpo accidentale da distanza ravvicinata che avrebbe raggiunto Spineto alla tempia.

La versione fornita dal 15enne è ancora da verificare, ma pare abbia già trovato i primi riscontri. Per lui è scattata l'iscrizione nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio colposo.

10.00 - Omicidio in strada a Torre Del Greco, una vera e propria esecuzione avvenuta in seguito a una banale lite tra due gruppi di ragazzi. A morire, raggiunto da un colpo di pistola alla tempia, è stato un ragazzo di 19 anni, Piero Spineto.

L’omicidio è avvenuto intorno alle 22.30 di ieri in Vicolo Bufale. L’esatta dinamica è ancora al vaglio degli inquirenti, ma stando a quanto riferito dagli amici della giovane vittima, la lite sarebbe scoppiata con alcuni soggetti poco raccomandabili, si ipotizza legati al clan Falagna che controlla la zona.

Spineto, incensurato, si è dato alla fuga, ma è stato inseguito e crivellato di colpi. Quello alla tempia è risultato fatale e i soccorsi, prontamente allertato dai residenti dell’area, non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

  • shares
  • Mail