Il Nebraska ha abolito la pena di morte

Il governatore Pete Ricketts questa volta non ha potuto far valere il suo potere di veto.

Il Parlamento del Nebraska, negli Stati Uniti, ha approvato una legge che abolisce la pena di morte. In precedenza altre tre volte il Parlamento aveva approvato una legge simile, ma il governatore repubblicano Pete Ricketts aveva fatto valere il suo potere di veto. Questa volta, invece, non ha potuto perché l'approvazione è arrivata a larga maggioranza, ossia con 30 voti a favore a fronte di 19 contrari.

Tra i sostenitori della legge che abolisce la pena capitale ci sono anche parlamentari conservatori, alcuni dei quali pur essendo favorevoli in linea di massima a questa punizione per gli assassini hanno però evidenziato che ormai la pena era inutile in Nebraska perché di fatto lo Stato ha perso la sua possibilità di portare avanti un'esecuzione da quando, nel dicembre del 2013, uno dei tre farmaci usati per le iniezioni letali è scaduto. Infatti in Nebraska non è mai stata effettuata alcuna esecuzione con il metodo corrente per la pena di morte, l'iniezione letale, appunto. L'ultima esecuzione risale al 1997 ed è avvenuta con la sedia elettrica. Attualmente nel braccio della morte in questo Stato ci sono dieci persone.

Il Nebraska è il primo Stato conservatore ad abolire la pena di morte dal 1973, quando lo fece il Nord Dakota. L'abolizione più recente è stata invece quella nel Maryland, nel 2013. Il Nebraska si aggiunge dunque ad altri 18 Stati più il distretto federale di Washington DC che hanno vietato la pena di morte.
Una portavoce del Nebraska State Patrol ha anche detto che la sua agenzia di recente ha indagato sulle minacce di morte ricevute da un senatore dello Stato del Nebraska che ha sostenuto questo provvedimento di abolizione della pena capitale.

Abolita la pena di morte in Nebraska

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail