Livorno, lancia acido muriatico contro una cassiera della Snai: arrestato 30enne

Il giovane è stato arrestato subito dopo il folle gesto. Si trova ai domiciliari con l’accusa di lesioni personali aggravate.

piazza Attias a Livorno

Barbara aggressione ieri sera all’interno dell’agenzia Snai di piazza Attias a Livorno. Erano da poco passate le 22 quando il 30enne Davide Vecchio è entrato nel locale e ha lanciato dell’acido muriatico in volto a una delle commesse, una donna di 55 anni.

Non si è trattato di un’aggressione casuale. Il giovane, secondo quanto ricostruito, era convinto che la 55enne stesse ostacolando il suo tentativo di iniziare una relazione con una sua amica, una donna di 38 anni di Castellina Marittima.

L’aggressore, un operaio residente a Livorno, si è era rivolto alla 55enne circa un anno fa, chiedendole di aiutarlo a convincere la sua amica ad iniziare una relazione con lui. La 38enne non aveva nessuna intenzione di cedere a quel corteggiamento molesto e per questo il 30enne ha iniziato a perseguitarle entrambe.

Un incubo durato un anno, fatto di ripetute denunce alle forze dell’ordine. Ieri sera il tragico epilogo: il 30enne è entrato nel locale in cui lavorava la 55enne e, vedendola insieme all’amica oggetto delle sue attenzioni, ha portato avanti l’aggressione, indubbiamente pianificata.

Il giovane ha estratto la bottiglietta di acido muriatico che aveva portato con sé e ha lanciato il liquido contro la 55enne, colpendola in volto. La donna è stata subito soccorsa e trasportata in ospedale: ha riportato gravi lesioni alla vista e ustioni di I° grado al volto ed ha ricevuto una prognosi di 25 giorni.

L’aggressore, fuggito subito dopo il folle gesto, è stato rintracciato poco dopo e arrestato. Ora si trova agli arresti domiciliari accusato di lesioni personali aggravate.

  • shares
  • Mail